Ode alla Dignità

Aggiornato il 19 Ottobre 2018

Ode alla Dignità

Di te non c'è traccia negli animi inetti
che popolan stolti le terre innocenti
un dì fosti amata ed accolta nei petti
ed oggi vocabolo ignoto alle genti

per te si periva e si dava la morte
tu eri la forza che dava coraggio
al sol nominarti s'aprivan le porte
nessun assennato recavati oltraggio

al centro era l'uomo e tu al centro di questo
ai figli dagli avi venivi donata
financo colui che appariva modesto
vedeva la tua santità meritata

ma tu Dignità che eri prima la norma
sei ora scordata e perfino derisa
adesso è regina soltanto la forma
e il vuoto pensare al denaro ti ha uccisa

infatti di te che guidavi la vita
la fame dell'oro sa rendere vuoti
si contano ormai con un pugno di dita
quei cuori che a te son rimasti devoti

del nobile senno di te innamorato
neppure si trova la tomba nel mondo
che più che a una casa somiglia a mercato
nel quale lo scambio si fa inverecondo

il bianco candore da presto è fangoso
il polso virile si piega alla dama
nel mondo d'idioti diviene glorioso
colui che si prostra al denaro e alla fama

la statua d'onore nel marmo scavata
un tempo da tutti imitato modello
da servi e baldracche è oramai defecata
ché la società si è mutata in bordello

a chi non è verme non resta più spazio
giacché è generale l'alieno disprezzo
l'emarginazione diviene il suo dazio
perché si rifiuta di vendersi a un prezzo

ma prìa che la speme del tutto mi lasci
ti volgo una prece mia guida canuta
perché la viltà tu sconfigga e rinasci
tornando a regnare sul trono assoluta.

di Antonio Luca siliotto - www.siliotto.it
(dal libro "Solidiversi", ISBN: 978-88-91039-80-4)

Ti piace? Allora clicca "Mi piace" o "Condividi"!
mi piace poesia facebook

E se ti piace il sito, clicca "Mi piace" o "Condividi" in fondo alla pagina!




Torna alla pagina iniziale



facebook siliotto


Poesia sulla discoteca

La sera ho sprecato ne sono sicuro
l'avrei molto meglio impiegata a sedere
lo sguardo sbarrato a fissare un bel muro
m'avrebbe donato maggiore piacere

Continua a leggere »

Poesie sulla società

E' possibile tradurre in poesia la nostra
società? Possono le rime descrivere la
realtà e le persone che ci circondano?
Una risposta in questa pagina

Continua a leggere »

www.poesiedolci.it

©2014-2018 Antonio Luca Siliotto
info@poesiedolci.it
poesie dolci w3c